A primavera si vota per l'UMI. Le prime candidature

Nella primavera del 2012 si svolgeranno le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali (Presidenza, Vice Presidenza, Amministratore-Tesoriere, Segretario e Commissione Scientifica) dell’Unione Matematica Italiana. L'UMI, fondata nel 1922 da Salvatore Pincherle che ne fu il primo presidente, riunisce circa 3000 soci e mette in contatto la maggior parte dei matematici italiani, esercitando una notevole influenza sulle attività matematiche che si svolgono in Italia.

Tra aprile e maggio si voterà dunque per l'elezione del nuovo presidente che succederà a Franco Brezzi, analista numerico e docente dell'Università di Pavia, in carica dal 2006. Prima di Franco Brezzi, procedendo a ritroso, presidenti dell'UMI erano stati Carlo Sbordone (Napoli), Carlo Pucci (Firenze), Alessandro Figà Talamanca (Roma) e Vinicio Villani (Pisa).

Franco Brezzi (a sinistra) e Ciro Ciliberto

 

Una prima autorevole candidatura alla carica di presidente, che ha già raccolto numerose adesioni nel mondo accademico, è quella di Ciro Ciliberto, professore ordinario di Geometria superiore a Roma Tor Vergata e studioso internazionalmente noto per le sue ricerche di Geometria algebrica. Ciro Ciliberto ha sviluppato anche una specifica sensibilità per gli aspetti storici (legati in particolare alla Scuola italiana di Geometria algebrica tra Otto e Novecento, con ricerche tradotte anche in inglese) e divulgativi collaborando tra gli altri alla serie di racconti pubblicati con il titolo "I numeri nel cuore" (Spriger, 2008). E' noto ai lettori di questo sito per alcuni suoi interventi e articoli presenti su "Lettera matematica pristem". L'ultimo, in ordine di tempo, è comparso sul numero 79 della rivista con il titolo Un nuovo assetto per l’INdAM.

I numeri nel cuore