Libri del 2015

Copertina del libro - Matepristem

L'autore è un cultore di fisica, che ha insegnato a lungo sia a livello liceale che universitario, appassionato alla sua storia ed alla sua didattica (come recita il sottotitolo). Le riflessioni di cui parla sono più di cento e riguardano soprattutto la nascita della fisica moderna, quel periodo esaltante nel quale, oltre alle leggi fisiche, c'era da scoprire e inventare anche un metodo: quello che oggi per l'appunto chiamiamo "metodo scientifico".

Copertina del libro - Matepristem

Che idea abbiamo dello spazio? Si racconta che Archita di Taranto - filosofo, politico e matematico pitagorico del IV secolo a. C. - si chiedesse non senza ironia: "Se scaglio una freccia dal bordo dello spazio, dove va a finire?". È omogeneo e isotropo, come si tende a pensare? Quali proprietà eredita dai corpi che contiene e quali trasmette loro? Fino a che punto è un costrutto del pensiero e quanto un dato reale?

Copertina del libro - Matepristem

Il 10 agosto 1632 cinque padri gesuiti si riunirono in un austero palazzo di Roma per censurare, perché considerata sovversiva, un'affermazione apparentemente innocua che avrebbe gettato le basi della matematica moderna: una linea continua è composta da punti infinitamente piccoli.

Copertina del libro - Matepristem

Il volume è dedicato al grande matematico italiano Bruno de Finetti nel trentennale della scomparsa, commemorato di recente dall'Accademia nazionale dei Lincei di cui fu socio autorevole. Bruno de Finetti, di elevato prestigio internazionale, è soprattutto noto per essere tra i fondatori della concezione soggettivistica della probabilità, che con i suoi teoremi assunse definitiva sistemazione scientifica.

Copertina del libro - Matepristem

Sono almeno duemila anni che ci si lagna della scuola. Con un'impressionante costanza di argomentazioni, espressioni e perfino parole singole. L'insegnante di lungo corso Alessandro Banda, con estro e brio narrativo, passa in rassegna tale esteso lamento bimillenario.

Copertina del libro - Matepristem

Partendo dalla domanda come si affronta la probabilità? Nahin, popolare divulgatore di matematica, propone rompicapi assolutamente unici con cui il lettore si può cimentare.

Copertina del libro - Matepristem

Il libro racconta la storia di una famiglia e di una casa in cui ha vissuto la stirpe dei Bensalem. Il suo capostipite, il cavatore di pietre e mugnaio Redentore, costruisce una casa destinata a crescere in altezza a ogni generazione, un edificio che è come un albero in espansione, dove ogni ramo diventa una stanza particolare in cui ognuno dei futuri Bensalem vivrà.

Copertina del libro - Matepristem

Opera di grande fascinazione per chi è in cerca di una buona lettura di argomento fisico-cosmologico e intenda trovare una strada percorribile nel vasto panorama delle applicazioni matematiche.

Copertina del libro - Matepristem

L'autore si è interessato a lungo alle equazioni algebriche ed ai loro problemi risolutivi, in quanto autore di una serie di volumi sulla vita e l'opera di Evariste Galois. Come in questo volume, dedicato ad Abel, la parte propriamente biografica si intreccia con un'analisi dettagliata e con la traduzione delle principali memorie del matematico norvegese

Copertina del libro - Matepristem

Charles Babbage (Londra, 1791 - Londra, 1871), matematico e scienziato poliedrico, è considerato il progenitore del computer perché progettò una macchina analitica: una macchina da calcolo meccanica e "programmata", cioè in grado di eseguire una sequenza predeterminata di calcoli.

Copertina del libro - Matepristem

La filosofia della natura di Giacomo Leopardi costituisce indubbiamente una delle componenti fondamentali della formazione e quindi della produzione del poeta di Recanati. Troppo spesso però il "naturalismo" leopardiano viene banalizzato e ridotto a poche e stereotipate formule scolastiche che non danno ragione della complessità di questo.

Copertina del libro - Matepristem

"Questo libro, senza tentare di sintetizzare tutta la storia della scienza, ha l'obiettivo di mostrarne alcune caratteristiche essenziali e sfatarne alcuni miti". La premessa di Lucio Russo è di volere scardinare tre miti resistenti, ovvero: l'idea che la scienza sarebbe nata dalla cosiddetta rivoluzione scientifica del Seicento, diventando quindi un fenomeno tipico solo della modernità; il concetto che la scienza abbia sempre lavorato alla volta di un avvicinamento disinteressato alla verità; il mito collettivo che le grandi scoperte si debbano sempre attribuire a un piccolo gruppo di uomini geniali.

Copertina del libro - Matepristem

"Il primo uomo che colse l'analogia esistente tra un gruppo di sette pesci e un gruppo di sette giorni compì un notevole passo avanti nella storia del pensiero". Così scriveva Alfred Whitehead e così iniziava l'avventura di contare e misurare. All'inizio si contava e si misurava ciò che aveva utilità pratica, come giorni, greggi, lunghezze; ma poco alla volta tutto verrà misurato: aree, volumi, lo spostamento degli astri, gli angoli.

Copertina del libro - Matepristem

Il signor Zeta trascorre le sue giornate in un parco cittadino e parla un po' di tutto con le persone che, occasionalmente ma anche con una certa assiduità, si fermano ad ascoltarlo. Nella piacevole atmosfera autunnale offerta da uno spicchio di natura, i passanti indugiano ad ascoltare riflessioni, meditazioni, considerazioni, provocazioni, aneddoti e brevi narrazioni sui temi più disparati: dalla politica alla scienza, dalla filosofia alle nuove tecnologie, dalla storia alla poesia. Discorsi che, senza fretta, si susseguono talvolta senza un apparente filo logico. Ma mai banali. Non mancano considerazioni sulla Matematica, cosa che non ci stupisce dallo stesso autore de "Il mago dei numeri".

Copertina del libro - Matepristem

Durante il nazismo alcuni fisici cercarono di dar vita a una fisica ariana che escludesse ogni "idea giudaica", molti altri fecero compromessi e concessioni pur di continuare a lavorare. Tra questi vi furono tre fisici di levatura mondiale: Max Planck, pionere della teoria dei Quanti, universalmente stimato per la condotta morale che seppe mantenere durante il regime; Peter Debye, fisico olandese che arrivò a dirigere il più importante istituto di ricerca del Reich prima di andarsene negli Stati Uniti nel 1940; Werner Heisenberg, lo scopritore del principio di indeterminazione, che ebbe un ruolo di primo piano nella corsa tedesca alla bomba atomica.

Copertina del libro - Matepristem

"Questo libro è per tutti, non serve essere ferrati in matematica per leggerlo. Ciascun capitolo introduce un nuovo concetto matematico senza presupporre alcuna conoscenza preliminare". Con queste parole Bellos invita alla lettura del suo I numeri ci somigliano. Nel volume si raccontano i legami, a volte i più impensabili, fra eventi del mondo reale e i principi della matematica, il risultato è un libro brillante e divertente.

Copertina del libro - Matepristem

Il gioco è la via più semplice per superare blocchi e timori legati alla Matematica. La soluzione è, in molti casi, nelle capacità innate del nostro cervello di pensare naturalmente in modo intuitivo, visivo e logico. Con questo libro Fabio Ciuffoli, docente di scuola superiore, propone degli esercizi per tenere allenata la mente e ragionare divertendosi, per affrontare test e prove di selezione all'università e al lavoro, per appassionarsi alla bellezza della matematica, della geometria, della logica e della creatività.

Copertina del libro - Matepristem

Nella calma dello spogliatoio, poco prima dell'inizio del torneo olimpico di tennistavolo, l'inglese Matthew Syed si concentra su quello che sente come l'incontro più importante della sua carriera: ripassa la tecnica dei colpi, pensa al movimento delle gambe, al dettaglio dei gesti per recuperare la posizione d'equilibrio subito dopo il servizio. Poi, glaciale, si presenta al tavolo per affrontare il suo primo avversario, il tedesco Peter Franz.

Copertina del libro - Matepristem

L'uomo è sempre stato affascinato dagli enigmi e dai giochi. Dall'osso di Ishango, l'abaco più antico del mondo, al paradosso di Zenone su Achille e la tartaruga fino al cubo di Rubik.

Copertina del libro - Matepristem

Per comprendere l'Universo abbiamo due strade: da una parte la teoria della relatività di Albert Einstein dove ci sono il tempo e lo spazio; dall'altra la meccanica quantistica che decifra il comportamento della materia, della radiazione a livello atomico e subatomico. La seconda strada trova applicazioni sui laser e sui computer e i due sentieri sono confinati nelle rispettive dimensioni, cosmica e materiale e da decenni si cercano di unire in un'unica visione.

Copertina del libro - Matepristem

Questo libro accende i riflettori su uno dei matematici più straordinari del Novecento: Ennio De Giorgi. Il suo debutto nella scena internazionale avvenne a soli 29 anni, quando risolse uno dei problemi del secolo, il diciannovesimo problema di Hilbert, battendo sul tempo John Nash, il matematico Nobel per l’Economia recentemente scomparso.

Copertina del libro - Matepristem

Il 24 maggio 1915 l'Italia dichiarava guerra all'Austria, schierandosi così al fianco delle potenze dell'Intesa (Francia, Inghilterra, Russia) nella prima guerra mondiale. Per ricordare il centesimo anniversario di questa data, che tanto ha cambiato il corso della storia, molte sono state le conferenze, le celebrazioni e i volumi editi.

Copertina del libro - Matepristem

Si è sempre scritto su Archimede, e ancor di più lo si è fatto durante il 2013, anno a lui dedicato dalla comunità dei matematici per festeggiare il suo 2300° compleanno. E possiamo sicuramente dire che i suoi 2300 anni se li porta bene, dato che le sue opere destano ancora tanto interesse e si continua ad affermare la modernità dei suoi metodi.

Copertina del libro - Matepristem

Uno, due, tre, ... conosciamo a memoria la successione dei numeri. Ma cosa sono? Da dove vengono? Sono forse un dono divino o sono invece una creazione umana a partire da una proprietà innata che condividiamo con altre specie animali?

Copertina del libro - Matepristem

Il significato della parola algoritmo e la sua origine dal nome del matematico arabo al-Khwarizm, sono ormai ben noti a chiunque, negli ultimi quarant'anni, abbia avuto a che fare con la Matematica o con l'Informatica, anche solo come alunni delle scuole dell'obbligo. In realtà il suo significato va oltre il contesto matematico e informatico, in quanto si tratta di una sequenza finita e ben determinata di azioni, o di passi o istruzioni, che permettono in un tempo finito di produrre un risultato. Non necessariamente di carattere matematico. Un concetto che quindi si applica continuamente, da quando si esegue una ricetta di cucina a quando si deve montare un mobile dell'Ikea o quando occorre ricostruire il proprio codice fiscale.

Copertina del libro - Matepristem

Si tratta di una commedia di Gabriele Marchesini, ispirata da un'idea di Vincenzo Fano, rappresentata a Cesena nel 2013, anno in cui si è festeggiato il 2300-esimo compleanno di Archimede. La registrazione di questa rappresentazione, realizzata nella splendida ambientazione della Biblioteca Malatestiana, è contenuta nel DVD allegato al volume.

Copertina del libro - Matepristem

Un titolo insolito, un curioso abbinamento di autori (il fertile e brillante scrittore Andrea Vitali con il famoso psichiatra e criminologo Massimo Picozzi) una trama che ruota intorno a un intrigo noir, con un atroce assassino seriale e inquietanti sedute spiritiche, che si svolge tra i pittoreschi paesaggi del lago di Como e le fredde aule di anatomia di Torino, dove opera il protagonista della storia, Cesare Lombroso.

Copertina del libro - Matepristem

Pubblicato per la prima volta nel 1954 dal matematico e divulgatore russo Boris A. Kordemsky con il titolo "Matematicheskaya Smekalka" (L'intuizione matematica) il volume è il più apprezzato e popolare libro di giochi matematici mai pubblicato in Unione Sovietica.

Copertina del libro - Matepristem

Una serie di scorribande nel mondo della scienza ma anche dell'arte e dell'etica: fra intrecci di esistenze talvolta straordinarie e scontri di idee che hanno mutato la concezione stessa della realtà, questo libro prospetta in modo inedito l'avventura della conoscenza.

Copertina del libro - Matepristem

Il paradosso del gatto di Schrödinger: una metafora della condizione umana, focalizzata sulla intricata e dolorosa questione della perdita di una persona amata. Il gatto, contemporaneamente vivo e morto, è anche allo stesso tempo qui e altrove.

Copertina del libro - Matepristem

Nel 1960 il neurofisiologo Warren McCulloch, evidentemente insoddisfatto delle molte rigide e vuote definizioni che erano state sciorinate fino ad allora dai filosofi, pose questi due quesiti: "Cos'è il numero, che l'uomo lo può capire? E cos'è l'uomo, che può capire il numero?".
Nel suo ultimo libro, il matematico torinese Piergiorgio Odifreddi affronta le due domande con un approccio più fluido e pratico: invece di provare a dirci cos'è il numero in astratto, mostra utilmente una serie di numeri in concreto.