Libri del 2016

Copertina del libro - Matepristem

Il concetto di "tradizione" è stato oggetto di attenzione da parte di eminenti filosofi della scienza, tra cui Thomas Khun, e da qui si è sviluppata la ricerca storico-filosofico-epistemologica dell'autore: dal mondo cosiddetto greco del VI–V secolo a. C. sino alle moderne tematiche fisiche, matematiche e logiche, passando per il concetto di "Scuola italica" desunto da Diogene Laerzio.

Copertina del libro - Matepristem

La macchina della conoscenza umana ha bisogno della grammatica del non. Perché lo zero, il vuoto e il nulla ci consentono di sporgerci su ciò che non sappiamo ancora, su quel non sapere che sempre circonda ciò che crediamo di sapere.

Copertina del libro - Matepristem

La comunicazione sulle possibili attività spionistiche di Bruno Pontecorvo, spedita da Washington, venne intercettata da Kim Philby, un agente inglese che agiva come spia per i sovietici, nel luglio del 1950. Sei settimane piú tardi, Pontecorvo, un fisico di Harwell, il laboratorio di fisica nucleare del Regno Unito, sparí senza lasciare traccia all'età di 37 anni, proprio qualche mese dopo la condanna della spia atomica Klaus Fuchs, un suo collega.

Copertina del libro - Matepristem

Immaginiamo un lungo poema composto da equazioni; non sillabe e accenti ma simboli, numeri e lettere di alfabeti differenti. Che cos'hanno in comune la poesia e la scienza? Le equazioni sono espressione di un linguaggio universale, condiviso da tutta l'umanità, e la loro bellezza è pari a quella dei fenomeni naturali che descrivono.

Copertina del libro - Matepristem

In un ristorante cinese fuori Filadelfia un padre chiede alla figlia quindicenne: "Come definiresti il nulla?". Per trovare la risposta, la ragazza intraprenderà con lui una caccia ai più grandi enigmi dell'universo che trasformerà la sua vita, affrontando senza paura i draghi della relatività generale e della meccanica quantistica.

Copertina del libro - Matepristem

Il banco vince sempre. O non è più così? Giocatori d'azzardo e matematici stanno sfilando il tappeto verde sotto i piedi della dea bendata e l'industria del gioco sta vivendo una rivoluzione: dagli statistici che prevedono i risultati sportivi agli algoritmi intelligenti elaborati per battere i campioni di poker, sono in tanti oggi a sfidare casinò e bookmaker, e a usare la scienza per scoprire il sistema perfetto per sbancare.

Copertina del libro - Matepristem

Nel 1907 il matematico genovese Giovanni Vacca partì in nave per la Cina. Voleva verificare alcune sue teorie matematiche, ma trovò molto di più: un mondo vastissimo, un'altra storia, un popolo poco conosciuto, denigrato per lo più, cui le scarse cronache occidentali, per gran parte opera di missionari, non rendevano affatto giustizia.

Copertina del libro - Matepristem

I matematici sono uomini come tutti gli altri, alle prese con un talento spesso precoce, imperativo e solitario. Cosí le loro grandi scoperte sono anche vicende di padri e figli, balistica e cibernetica, amori e fallimenti, ostinazione e fortuna. Attraverso le storie di sei matematici veri e uno finto, in questo volume (disponibile anche in formato ebook) Chiara Valerio ci racconta la seduzione della piú inafferrabile delle scienze esatte.

Copertina del libro - Matepristem

La Rivoluzione scientifica è stata la più importante rivoluzione della storia umana. In questo libro monumentale David Wootton ci accompagna tra i secoli e i continenti per esplorare le tappe che hanno portato alla nascita della scienza moderna: una svolta epocale cui diedero impulso la stampa a caratteri mobili, la scoperta dell'America, i progressi dell'astronomia, l'intuizione della pittura prospettica, e il cui sviluppo fu segnato da invenzioni in grado di moltiplicare le capacità umane, come l'orologio, il microscopio e il telescopio, il termometro, fino alle macchine a vapore da cui prese avvio l'industrializzazione.

Copertina del libro - Matepristem

I numeri sono un'invenzione della mente o una scoperta con cui la mente accerta l'esistenza di qualcosa che è nel mondo? Domanda a cui da secoli i matematici hanno cercato di rispondere e che si può anche formulare così: che specie di realtà va attribuita ai numeri?

Copertina del libro - Matepristem

Non sempre logica e giustizia vanno di pari passo. Talora una medesima parola, come "teorema", assume significati opposti, di verità dimostrata o di ipotesi strampalata. Esistono tuttavia tra logica e giustizia "innocenti" e sorprendenti analogie.

Copertina del libro - Matepristem

Continua la serie di libri dedicati al racconto della Matematica, questa volta tocca alla matematica della natura che ci viene raccontata dal fisico Vincenzo Barone e dal filosofo della scienza e matematico Giulio Giorello. Numeri, figure geometriche e relazioni matematiche sono dovunque attorno 
a noi, talvolta in forma evidente, più spesso annidati nei meccanismi di funzionamento dell'universo.

Copertina del libro - Matepristem

Il volume è una nuova edizione ampliata e aggiornata del primo testo del 1997 frutto della prima ricerca italiana sul rapporto delle donne con la scienza condotta con il Centro PPRISTEM. Giunto alla sesta edizione, il libro raccoglie ora 75 biografie di scienziate ed è arricchito da un percorso sulla storia dell'educazione e dell'istruzione delle donne.

Copertina del libro - Matepristem

Dal giorno dell'Unità d'Italia fino alla notte di Natale del 2015, l'elenco completo dei momenti nei quali il pensiero scientifico dell'uomo ha permesso all'umanità di progredire, di rendere la propria vita diversa. Tutto spiegato con precisione scientifica e ricchezza di dati ma anche con la semplicità della divulgazione intelligente.

Copertina del libro - Matepristem

L'intento di questo libro è esplorare uno degli argomenti più affascinanti e difficili della Matematica, l'infinito, divertendosi. Avvalendosi anche di una storia a fumetti, il libro illustra i concetti basilari della teoria degli insiemi incrociandoli con la storia del pensiero logico e scientifico.

Copertina del libro - Matepristem

Nei primi trent'anni del Novecento, relatività e meccanica quantistica non sarebbero state concepite senza una matematica nuova, il cui campione è stato David Hilbert. "Ogni teoria può essere applicata a infiniti sistemi di enti fondamentali", spiegava Hilbert illustrando il carattere assiomatico della nuova matematica. Per la geometria usava una battuta fortunata: "Invece di 'punti, rette, piani' dobbiamo ugualmente poter dire 'tavoli, sedie, boccali di birra'".

Copertina del libro - Matepristem

Il libro racconta la storia di ventiquattro celebri equazioni che hanno plasmato la matematica, la scienza e la società: dalla più elementare (1 + 1 = 2) alla più sofisticata (la formula di Black-Scholes sui derivati finanziari), dalla più famosa (E = mc2) alla più arcana (l'equazione dei quaternioni di Hamilton).

Copertina del libro - Matepristem

Continua con questo volume la pubblicazione dei testi assegnati nelle gare matematiche organizzate nei vari anni dal Centro PRISTEM dell'Università Bocconi. Si tratta in questo caso del 2007/2008. Il colore giallo della copertina segnala che in particolare i "giochi" qui raccolti sono quelli assegnati alle categorie C2 e L1.

Copertina del libro - Matepristem

Continua con questo volume la pubblicazione dei testi assegnati nelle gare matematiche organizzate nei vari anni dal Centro PRISTEM dell'Università Bocconi. Si tratta in questo caso del 1996. Il colore verde della copertina segnala che in particolare i "giochi" qui raccolti sono quelli assegnati alle categorie C1 e C2.

Copertina del libro - Matepristem

Nel 1905 Albert Einstein sottopose agli «Annalen der Physik» tre articoli. Il primo, che prendeva in esame l'effetto fotoelettrico servendosi della teoria dei quanti di Max Planck, chiarì la natura della luce e gli valse il premio Nobel, che gli venne però conferito nel 1921. Il secondo affrontava il comportamento di piccole particelle in sospensione e fornì la prova dell'esistenza degli atomi. Il terzo, Sull'elettrodinamica dei corpi in moto, in cui delineava la teoria della relatività ristretta, si rivelò essere uno dei più straordinari scritti scientifici mai apparsi. Molto semplicemente, cambiò il mondo.

Copertina del libro - Matepristem

Il Kita-b al-jabr wa al-muqa-bala, scritto dal matematico arabo al-Khwa-rizm tra l'813 e l'833 a Baghdad, segna l'atto di nascita dell'algebra come disciplina a sé, con i suoi specifici oggetti, le sue metodologie e le sue applicazioni. Il libro aprì la strada a un nuovo dominio di ricerca, l'algebra appunto, che pur diventato il linguaggio di tutta la scienza è ancora oggi conosciuto solo in parte.

Copertina del libro - Matepristem

Uscire con o senza ombrello, cambiare lavoro, investire in borsa. Assediati dal dubbio, dobbiamo imbrigliarlo per riuscire a prendere la decisione migliore. Nato per affrontare problemi pratici - come valutare la bontà di una scommessa - il calcolo delle probabilità diventa un linguaggio per trattare dell'incertezza.

Copertina del libro - Matepristem

Il design, l'architettura e l'arte fanno parte della nostra vita quotidiana: ne vediamo degli esempi negli oggetti che ci circondano, per le strade della città in cui abitiamo, nelle nostre passioni e abitudini.

Copertina del libro - Matepristem

"Ogni numero è speciale. Quando si arriva ad apprezzarli individualmente, quasi fossero persone, sono come vecchi amici. Ognuno ha la sua storia da raccontare e spesso questa storia porta a incontrare un sacco di altri numeri. I numeri sono i personaggi di un dramma: la cosa più importante è il dramma in sé, certo, ma non si può avere un dramma senza i suoi personaggi".

Copertina del libro - Matepristem

Quando si parla di Matematica non è raro che due domande facciano capolino: a cosa serve la Matematica? E cosa fanno i matematici? In questo libro Angelo Guerraggio, docente di Matematica presso le Università dell'Insubria e Bocconi, risponde in maniera efficace: risolvono problemi!

Copertina del libro - Matepristem

Tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento si ha un profondo cambiamento metafisico nella storia della scienza moderna nel momento in cui si sostituiscono i numeri (le misure relative) alle grandezze (enti), nella fondazione della "cosa matematica" e della "cosa fisica", sovvertendo così il suo concetto di "realtà fisico-matematico".

Copertina del libro - Matepristem

Ben prima dell'invenzione del microreticolo metallico, Efesto nell'Odissea forgiava "catene impossibili da infrangere, sottili come fili di ragnatela", catene che "nessuno avrebbe potuto notare, neppure un dio, tanto erano ingannevoli". Ben prima degli studi di Maxwell sul tempo di rilassamento dei liquidi, Lucrezio intuì che molecole di lunghezza differente scorrono con tempi differenti.

Copertina del libro - Matepristem

Ecco cosa può succedere se si mettono a collaborare una collaudata scrittrice di storie per ragazzi, come Barbara Cerquetti, e un esperto docente e divulgatore di matematica, come Andrea Capozucca. Può succedere che nasca una bella storia, avvincente e intrigante, che tiene il lettore col fiato sospeso fino all'ultima riga (e un po' anche dopo) il cui modo di procedere e le motivazioni che ne stanno alla base sono intimamente legati a importanti questioni e problemi di matematica.

Copertina del libro - Matepristem

Il terzo volume della Collana teatro e scienza (i primi due sono "Sulle tracce di Archimede" e "L'Arca di Gödel") ci riporta alle origini della scienza moderna, ai dialoghi fra Salviati, Sagredo e Simplicio mediante i quali Galileo ha rivoluzionato il modo di studiare "il libro dell'Universo".

Copertina del libro - Matepristem

Dopo "Sulle Tracce di Archimede", prima commedia della collana Teatro e Scienza, diretta per la Carocci Editore da Vincenzo Fano e Franco Pollini sono usciti altri due volumi della stessa collana. Nel primo, "L'Arca di Gödel", sono raccolti tre interessanti testi teatrali (scritti da Franco Pollini, direttore del teatro di Cesena e filosofo della scienza) tutti calati nel clima delle fondamentali e rivoluzionarie interazioni fra fisica e matematica del Novecento.

Copertina del libro - Matepristem

Aristotele sostiene, nella Metafisica, che la meraviglia suscitata dall'universo sia all'origine del nostro desiderio di conoscere, vale a dire la caratteristica più nobile dell'animo umano e ciò che ci differenzia dalle bestie. È la meraviglia a spingerci ad alzare gli occhi verso il cielo e a porci domande, ed è da lì che, agli albori dell'umanità, germogliarono le domande che portarono alla nascita della scienza e della poesia.