Casa Weil

Copertina del libro - Matepristem

S. Weil

Casa Weil

Lantana, Roma, 2013

pp. 199; euro 16,00

 

Un romanzo familiare, un libro di memorie, il ritratto di due figure quasi intimidatorie per la loro importanza: Simone Weil e André Weil. La prima filosofa, mistica, attivista e icona del pensiero novecentesco, il secondo genio precoce della Matematica. A raccontare questa storia è Sylvie Weil, rispettivamente nipote e figlia si Simone e André.

Con questo libro l'autrice copmpie un vero e proprio esorcismo per liberarsi della presenza ingombrante di quello che definisce il "genio bicefalo", ovvero i due fratelli Weil, legati tra loro fin dalla prima infanzia da un complesso rapporto affettivo e intellettuale. La somiglianza fisica con la celebre zia, la cui morte a soli trentaquattro anni seguì di pochi mesi la nascita di Sylvie, è il punto di partenza di una narrazione che intreccia passato, ricordi, memorie di amici e familiari, pensieri personali, ironia e sincerità.

Leggendo il libro si rivive l'atmosfera, il lessico, i momenti di gioia e le sofferenze di una famiglia eccezionale, mai banale perfino nei minimi dettagli della quotidianità. Una nuova luce illumina le due figure, geniali ed eccentriche, di André e Simone: testimoni e attori della Storia, rivelati qui nel vivo delle relazioni familiari, nel loro più concreto e problematico stare al mondo.