Com’è dolce Parigi…o no ?

Copertina del libro - Matepristem

Antonio Caprarica

Com’è dolce Parigi…o no ?

Sperling & Kupfer, 2007

pp. 199, Euro 18,00


Arroganti, diffidenti, fissati nelle loro manie di grandezza oppure affascinanti, chic, ospitali? Qual è il vero volto dei francesi i nostri cugini latini eterni rivali in cucina e nella moda? Un giornalista dichiaratamente anglofilo, vissuto per anni all’ombra di Buckingham Palace, si trova improvvisamente catapultato a Parigi, stretto, fin dal primo giorni, nella morsa dell’implacabile burocrazia, snobbato da commesse sdegnose che rifiutano di comprendere qualsiasi lingua diversa dalla loro, disorientato dal formalismo dei nuovi conoscenti e infine appesantito dalle salse che affogano ogni piatto.

Al malcapitato non resta che vendicarsi con l’unica arma a disposizione: la penna. Eppure, proprio cercando conferme ai cliché meno generosi sul carattere e la cultura dei gallici, ecco affiorare la loro efficienza, il fascino delle città ricche di storia e la dolcezza delle campagne, il contagioso gusto della vita…. Forse vale la pena capire meglio la vecchia Francia, provando a immergersi nei grandi avvenimenti come nella vita quotidiana : nel duello fra Ségolène Royal e Nicolas Sarkozy e nel giro di acquisti in uno dei variopinti mercati parigini; nella “battaglia del velo” delle giovani musulmane e nella realtà delle banlieue; nel declino degli intellettuali e nella immancabile scenografia di un ristorante insignito delle tr stelle Michelin. Curioso, istruttivo e ironico, questo secondo appuntamento con la giocosa geografia personale dell’autore offre una lettura effervescente come una coppa di champagne : il modo più piacevole per entrare in contatto o approfondire la conoscenza dei nostri scostanti e seducenti vicini di casa!