Un matematico un pò speciale: Vito Volterra e le sue allieve

Copertina del libro - Matepristem

S. LINGUERRI

Un matematico un po’ speciale: Vito Volterra e le sue allieve

Pendragon, Bologna, 2010

pp. 199; euro 20,00

In occasione della giornata dell’8 marzo ci piace segnalare questo libro scritto da una ricercatrice in storia della scienza presso l’Università di Bologna, Sandra Linguerri,  e dedicato ai rapporti che un matematico del livello di Vito Volterra ha voluto instaurare con le sue allieve.  “Volterra fu un matematico un po’ speciale, che sosteneva le sue scolare e le aiutava a fare carriera, conferendo così pari dignità ad entrambi i sessi nelle aule e nei laboratori della scienza e della tecnica, contrariamente all’ideologia allora ricorrente secondo la quale la donna non era in grado di librarsi nell’alto dei cieli matematici”.

Il primo capitolo del libro è così dedicato a “un matematico un po’ speciale” fotografato anche nei suoi rapporti quotidiani con le donne di casa, la moglie Virginia e “Luisa, l’unica figlia femmina nata da quel matrimonio nel 1902” (nel ’26 Luisa sposerà lo zoologo Umberto D’Ancona). Nei capitoli successivi, poi, l’autrice ricorda quelle allieve di cui parla il sottotitolo del libro. Così, attraverso l’analisi di corrispondenze inedite e il recupero di note indirizzate a Volterra e da lui accuratamente conservate, riesce a riportare alla luce l’attività (finora poco visibile) di studiose quali Cornelia Fabri, Elena ed Eleonora Freda, Emma Sciolette, Cesira Orlandi, Pierina Quintili, Giuditta Graziani e Gina Zanoni.