Vita di un matematico napoletano

Copertina del libro - Matepristem

R. Gramiccia

Vita di un matematico napoletano. Renato Caccioppoli, la regola e il disordine (con prefazione di Luigi De Magistris)

EIR, Roma, 2014

pp. 207; euro 16,50

 

Renato Caccioppoli è stato uno dei grandi personaggi del '900 italiano. Matematico geniale e cattedratico anticonformista, amatissimo a Napoli, sua città natale, è stato anche un magnifico pianista e un cultore di tutte le arti. Nipote dell'anarchico Mikhail Bakunin, spirito libertario e inquieto, il ruolo politico svolto nella lotta antifascista prima e in quella per la pace poi, sarà la testimonianza di un impegno irriducibile liberato da ogni retorica. La sua sarà una vita eccentrica, in cui il disordine finirà per essere piegato agli scopi della ricerca del vero e del bello, fino ad assumere dignità di metodo. Vivere senza riprendere fiato sarà il suo modo di esistere anche nelle molte e importanti relazioni umane e sentimentali, sino al suicidio avvenuto l'8 maggio del 1959 e raccontato nel film di Mario Martone Morte di un matematico napoletano. Il libro non si occupa di acquisizioni scientifiche – a queste è dedicata l'appendice – ma di un'esistenza tormentata e affascinante dalla quale deriva la sintesi di un pensiero critico di irresistibile energia e attualità.

A distanza di dieci anni, viene pubblicata una nuova edizione di questo libro, completamente rivisitata e arricchita da un contributo personale del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris.