Anche i non vedenti potranno leggere la matematica

Pubblicato il: 
29/04/2019

Una piccola rivoluzione nelle metodologie di supporto alle persone con disabilità visiva è giunta grazie a un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Matematica dell'Università di Torino che ha ideato il primo sistema per leggere le formule matematiche (fatte di numeri, lettere e simboli in una sequenza obbligata) inserite nei testi.

Dopo sei anni di lavoro, il team composto da dodici ricercatori e coordinato da Anna Capietto ha inaugurato il pacchetto Axessibility che preso un testo qualsiasi (anche antico) e trasformato, con una buona scansione e con un apposito software, rende le formule presenti nel pdf di stampa immediatamente leggibili da tutte le persone con o senza disabilità visive. In questo modo, la tecnologia da assistiva diventa inclusiva e fa cadere una barriera di linguaggio: il vedente crea un testo matematico percepibile alla persona con difficoltà di vista e viceversa, consentendo un processo di scambio di conoscenze paritario.