L'avanzata dell'Università italiana

Pubblicato il: 
27/02/2019

È quasi primavera, ma la fine di questo inverno 2019 ci "regala" un ottimo risultato per l'Università italiana che, secondo il QS world rankings by subjects (la classifica mondiale delle Università) è quarta in Europa con 44 atenei citati in 48 discipline dopo Regno Unito, Germania e Francia e il settima al mondo.

La classifica di QS riguarda 1200 Università di 78 Paesi ed è compilata ascoltando l'opinione di 83mila accademici e 42mila datori di lavoro; i parametri considerati sono: reputazione accademica, reputazione del datore di lavoro, citazioni per pubblicazione e H-index (l'impatto della ricerca).

Il sistema universitario italiano, nonostante tagli e politiche non troppo favorevoli, avanza e rispetto al 2018 ci sono cinque atenei italiani in più nella top 50 (in totale 34), quindici in più nella top 100 (in totale 98) e ventitré in più nella top 200 (in totale 236).

Andando a scorrere la classifica si legge che La Sapienza di Roma è prima al mondo in Studi classici e Storia antica. Il Politecnico di Milano è settimo sia in Ingegneria civile che in Ingegneria meccanica e undicesimo in Architettura. La Bocconi di Milano è ottava al mondo per Business&Management, sedicesima in Economia e diciottesima in Finanza.

Ben Sowter, responsabile della ricerca e analisi di QS, ha commentato: "Questa edizione rivela una fotografia positiva per l'eccellenza accademica Italiana. Il trend è degno di nota, specialmente se consideriamo la feroce competitività globale. Questo risultato incoraggiante deve tenere conto di una sfida: la fuga di cervelli. L'Ocse segnala come l'Italia sia tornata ai primi posti nel mondo per emigrati, è ottava. Si stima che un terzo siano giovani laureati. Il Paese investe 164 mila euro per formare un laureato e 228 mila euro per un dottore di ricerca, investimenti di cui beneficiano sempre più altri Paesi. I laureati italiani sono tenuti in alta considerazione dai recruiter internazionali e la loro propensione ad assumerli è elevata, la preparazione dei vostri studenti è competitiva".

Per quanto riguarda la Matematica, il podio è tutto a stelle strisce con il Massachusetts Institute of Technology (MIT), l'Università di Harvard e l'Università di Stanford. Ma scendendo di qualche posizione troviamo tre atenei nella top 100: Politecnico di Milano, Università di Roma "Sapienza" e Università di Pisa. Mentre si collocano altri sette atenei dalla posizione 101 alla 200: Politecnico di Torino, Università di Roma "Tor Vergata", Università di Bologna, Scuola Normale di Pisa, Università Statale di Milano, Università di Napoli "Federico II" e Università di Padova.