Due lettere tra Mauro Picone e Guido Ascoli