Una lettera di Giovanni Prodi