Un ricordo di Giovanni Prodi