Ipazia, quando il dialogo fa paura