Un commento al Nobel di Englert e Higgs