La matematica come abitudine del pensiero