Quando la politica commissaria la scienza