8 marzo 2010: Una lettera di Lise Meitner