Matematica e spiritualità: un’equazione senza soluzione?