I ricercatori italiani vincono

Pubblicato il: 
23/04/2021

Dai dati annuali pubblicato dal Consiglio europeo delle ricerche emerge che i ricercatori italiani sono i primi beneficiari dei fondi messi a bando con 47 progetti finanziati nel 2020, davanti ai ricercatori tedeschi (45 progetti) e francesi (27).

Il dato conferma la grande qualità del lavoro degli studiosi nostrani, da sempre molto apprezzati a livello internazionale. Ma dai dati risulta anche una brutta notizia per il nostro Paese, poiché la gran parte dei fondi ottenuti dagli scienziati italiani finisce in università e istituti di ricerca europei non italiani. Infatti nostri enti di ricerca sono all'ultimo posto con soli 17 progetti finanziati. L'incrocio fra i due dati contrastanti ci conferma la qualità del sistema di istruzione nazionale che forma studiosi di altissimo livello spendendo molto denaro – si stima che ciascuno di questi ricercatori di alto livello sia "costato" al nostro sistema circa 500000 euro – ma che non è capace di assorbirli.

Ad avvantaggiarsene sono, in particolare, il Regno Unito, Olanda e Francia che si ritrovano gratuitamente alcuni dei migliori cervelli nostrani.