Salvate la matematica pura

Pubblicato il: 
16/07/2021

Di fronte alla riduzione dei corsi universitari di matematica pura in Gran Bretagna, in favore di insegnamenti applicati quali informatica, calcolo delle probabilità e intelligenza artificiale, i pronipoti del matematico Alan Turing insieme alla London Mathematical Society hanno lanciato un appello per salvaguardare gli insegnamenti più teorici.

"Dobbiamo continuare a finanziare e sostenere la matematica pura, materia in cui il mio prozio eccelleva e che era alla base dei suoi successi. Ritengo sia fondamentale che i giovani che mostrano talento per questa materia possano studiarla ai massimi livelli all'Università", così ha dichiarato al The Guardian Rachel Barnes, pronipote di Turing. Secondo i dati riportati da Protect Pure Maths, questo il nome della campagna lanciata, a oggi soltanto 35 delle 174 università del Regno Unito offrono dei corsi in matematica pura. A far suonare il campanello d’allarme è stata la decisione dell'Università di Leicester di chiudere il dipartimento di matematica.

Il problema è di natura economica: gli atenei hanno difficoltà a ottenere fondi per la ricerca e decidono di puntare su materie più "monetizzabili". "Ogni istituzione deve decidere in autonomia in quali campi di ricerca investire", così si è giustificato il vice-rettore dell'Università. Schierati con i pronipoti di Turing anche Marcus du Sautoy, professore di matematica di Oxford e celebre divulgatore, e l'ex presentatore di programmi per bambini della BBC Johnny Ball che in una lettera al governo hanno sostenuto l'importanza della matematica pura nel formare le menti del futuro.