Archimede, nel suo "Arenario", critica Aristarco e invera l’infinito potenziale di Aristotele?