La fredda bellezza

Copertina del libro - Matepristem

A. Weil

La fredda bellezza

Castelvecchi editore, Roma, 2014

pp. 80; euro 12,00

 

Nel 1940, la filosofa Simone Weil scrisse al fratello André (Parigi, 1906 – Princeton, 1998), una delle menti più geniali della Matematica novecentesca, per chiedergli di spiegarle l'argomento e l'importanza delle sue ricerche.

André rispose in una lunga e densa lettera, qui per la prima volta in traduzione italiana, dove tenta di ricostruire in maniera accessibile la storia della Matematica connessa al tema delle sue ricerche. Scrivendo da studioso, protagonista di primo piano di questa stessa storia, Weil non segue un ordine puramente cronologico, ma l'intreccio che lega in tempi diversi le più importanti svolte concettuali che hanno segnato l'evolversi delle conoscenze matematiche.

Dalla lettura delle intense considerazioni di André Weil, rivolte alla sorella amata per quanto incompresa, si osservano in controluce alcuni tratti essenziali del rapporto con Simone, che aiutano a capire meglio la genesi e il senso del percorso intellettuale ed esistenziale dei due fratelli. Nel secondo testo, che presenta la traduzione inedita di un testo del 1960, Weil riprende, sviluppandole ulteriormente, alcune riflessioni già presenti nella lettera, cercando di dare una risposta articolata, per quanto non definitiva, alla domanda sull'essenza della Matematica.