L'ordine del mondo. Le simmetrie in fisica da Aristotele a Higgs

Copertina del libro - Matepristem

V. Barone

L'ordine del mondo. Le simmetrie in fisica da Aristotele a Higgs

Bollati Boringhieri, Torino, 2013

pp. 233; euro 20,00

 

Le ricerche condotte con i grandi acceleratori di particelle, come l'LHC di Ginevra, hanno lo scopo di verificare una concezione del mondo fisico fondata su una delle più importanti e straordinarie idee della scienza contemporanea: la simmetria. Le simmetrie e i princìpi di invarianza delle leggi di natura stabiliscono che "tutto rimane com'è anche se cambiamo qualcosa". Oggi sappiamo che le simmetrie organizzano l'intero Universo: determinano le entità fondamentali che lo compongono, le loro proprietà e le loro interazioni. Inoltre conferiscono "bellezza" alle teorie fisiche, rendendole semplici e coerenti.

In questo volume Vincenzo Barone – fisico teorico e docente presso l'Università del Piemonte Orientale – indaga le regolarità intrinseche e le trame ordinate della tessitura della realtà che ci circonda. Partendo da Anassimandro, i discorsi sulla struttura del mondo arrivano sino ad Einstein che con la relatività ristretta, nel 1905, afferma il concetto di simmetria come elemento fondamentale della spiegazione del mondo. Da Einstein in poi, il mondo apparirà dotato di una sua struttura intrinseca, che permette lo sviluppo di certe regolarità, negandone altre.

Il libro di Barone ripercorre così un'avventura intellettuale affascinante che, dai primi filosofi-scienziati dell'Antichità ai protagonisti della fisica contemporanea, ci ha avvicinato sempre di più alla comprensione della natura.